Posted on Lascia un commento

Agrigento numeri utili

Azienda autonoma provinciale per l’ incremento Turistico di AGRIGENTO Telefono 0922 401352

Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo
ufficio informazioni Turistiche di Agrigento telefono 0922 20454

TAXI (piazza Marconi) telefono 0922 26670
TAXI (piazzale Aldo Moro) telefono 0922 21899

Pronto Soccorso telefono 0922 20344 – 0922 26511- 0922 401344

Chiamate Urgenti 118

Polizia Municipale 0922 598585

Posted on Lascia un commento

Agrigento moderna e cenni storici

Agrigento è una città di villeggiatura, grazie al clima assai mite, ai chilometri di spiagge, e soprattutto località turistica di fama internazionale per il suo eccezionale patrimonio archeologico.
La Provincia di Agrigento ha 43 Comuni con 3043 Kmq e 484000 abitanti, si trova in Italia e fa parte della Regione Sicilia. Confina con le Provincie di Trapani a Ovest, con quella di Palermo a Nord, e di Caltanisetta a Est, a Sud si affaccia al Mar Mediterraneo.
Amministramente fanno parte della Provincia di Agrigento anche le isole Pelagie Linosa e Lampedusa.
L’ economia è prevalentemente agricola si coltivano cereali, ortaggi, vite, olivo e agrumi.
L’ allevamento è rivolto soprattutto agli ovini e caprini.
La pesca ha i suoi maggiori centri a Porto Empedocle, Sciacca, Licata e Lampedusa.

Cenni storici

Agrigento fù fondata nel 583 a.c. e si chiamava AKRAGAS da un gruppo di persone venute da Gela.
Rapidamente la città prosperò e si ingrandì da divenire una delle più grandi città della magna Gecia,  in continua lotta di superamento con Siracusa.
Nel suo massimo sviluppo contava più 200.000 abitanti alcuni addirittura ne attribuiscono 800.000 abitanti.
La città godette di un lungo periodo di tranquillità e di ricchezza.
Fu proprio in questo periodo ( dal 520 a.c. a 450 a.c.) che essa si sviluppo e costruì, in pochi anni i suoi templi.
la sua posizione, già forte per la natura dei luoghi e anche grazie ad una poderosa cinta di mura per tanti anni fu resa inespugnabile..
Nel suo maggiore splendore, riuscì a conquistare un terzo della Sicilia e fondò città e villaggi.
Nel 406 a.c., il nemico cartaginese più volte sconfitto se ne impadronì. Il saccheggio frutto ai cartaginesi un ricchissimo bottino e vi rimasero fino a 210 a. c.
Durante la seconda guerra punica Aragas fu occupata da i Romani che la tennero sotto il loro dominio per ben 5 secoli.
Cessata l’ occupazione Romana cominciarono le invasioni barbariche; poi occupata dagli arabi, poi dai normanni poi passiamo al periodo dei Principi Svevi, agli Angiolini, poi passiamo da Pietro I° d’ Aragona,  a Vittorio Amedeo di Savoia agli Asburgo e infine ritornano gli Spagnoli con Carlo III° di Borbone che durò fino al 1860 quando Garibaldi conquisto la Sicilia.
La Sicilia, per la sua posizione al centro del mediterraneo fu sempre teatro di scontri e di battaglie, soggetta a continue devastazioni.

Posted on Lascia un commento

Le chiese di Agrigento

Le Chiese di Agrigento sono una trentina ecco alcune di loro:

LA CATTEDRALE
La cattedrale è di stile gotico normanno del XIV° secolo e si pensa che il primo nucleo risalga al XI° secolo.

SANTA MARIA dei GRECI
Si tratta di una costruzione del XII° secolo, poggiata sul basamento di un Tempio Greco del VI° secolo  a.c. dedicato ad Atena.

SANTO SPIRITO
E’ un complesso di costruzioni, chiesa e monastero, di stile gotico di epoca chiaramontana del XIII° secolo.

CHIESA SAN NICOLA
Di stile gotico con alcuni elementi di stile Romano del XII° secolo.

CHIESA SAN BIAGIO
E’ ubicata all’estremo limite orientale dalla Rupe Atenea, appena fuori le mura dell’ ex ospedale Pschiatrico.
L’ edificio è di stile normanno poggia sul basamento di un Tempio Greco del VI° secolo a.c. dedicato  a Demetra, dal quale  sono visibili le fondazioni a Vespaio.

SANTUARIO RUPESTRE di DEMETRA
E’ il più antico monumento greco di ackragas poichè risale al VII° secolo a.c.
La costruzione, oggi allo stato di rovina, ha la base a forma di quadrilatero irregolare i cui i lati misurano 15 x 11 x 13 x 15.

ALTRE CHIESE:
Sant’ Alfonso, San Calogero, San Pietro, San Francesco d’Assisi, Il Purgatorio, Santa Rosolia, ecc..