Famiglia: i colori dell’ amore


icoloridellamore

L’ amore è un sentimento che in molti cerchiamo di descriverlo con più svariate frasi o aforismi ma tutto rimane solo un oblio di belle parole poiché il vero Amore non si può descrivere ma si può solo vivere.

Importante, per non soffrire ,non dobbiamo rimanere prigionieri di un falso ed ipocrito Amore e non si deve dimenticare che Esso è un sentimento che se è vero non è vissuto a senso unico ma ovviamente da entrambi le parti.

Al riguardo, una volta inventai una regola per un Amore Perfetto:-
4C 1P 2D 1R 1S 1F 1NAS – che lascio, ovviamente, alla vs interpretazione.

L’ amore ha svariati colori e chi è innamorato, la vita l’ affronta in modo più sereno di chi non lo è, perciò vede tutto a colori a differenza di chi, invece, non è innamorato vede o nero o bianco.

Ma la domanda, che spesso ci domandiamo è … “come nasce un sentimento?”

Tutto questo, secondo me, deve rimanere un mistero in quanto ci sono troppi o pochi fattori che fanno si che scaturisca tutto ciò.

Vorrei, invece, riflettere su quanto segue: Perché due che non si sopportano si innamorano?

La risposta, secondo il mio semplice parere, sta nel fatto che i due soggetti hanno fatto confluire insieme sia nel cervello e sia nel cuore una dolce e sincera armonia, sintonia e soprattutto, essere se stessi senza il bisogno di indossare alcuna maschera perché in questo caso, non sarebbe un vero sentimento ma piuttosto ipocrisia e falsità.

Quindi, essendo Loro stessi, in quanto non hanno nascosto nulla di Loro ecco che vien fuori la loro vera personalità ed il loro IO andando così oltre l’ apparenza alla quale quasi si soffermano.

Per riconoscere, il vero Sentimento non ci sono segreti da seguire ma si capirà purtroppo quando si perderà, invece, chi ha la fortuna di percepirlo vuol dire che il suo cuore e cervello funzionavano in perfetta sintonia, pertanto, senza alcun dubbio vivranno una bella storia d’ amore.

Si ringrazia la mia carissima amica Evy per la sua cortese collaborazione.

Autore dell'articolo: rino